Racconti :planimetrie multisensoriali ed altri luoghi.......agosto 2015*

PLANIMETRIE MULTISENSORIALI_ agosto 2015
Programma Bernardo Bruno – Percorso di geografia emozionale con i camminatori della NeturalWalk3
-       Arrivo con mezzo proprio il Venerdì 21 agosto 2015 (entro le 11) presso la masseria La Quercia di Licari : Contrada Fiumara - Località Licari, Laino Borgo CS (347 263 1462)
-       Ore 12 circa: Partenza dalla Quercia di Licari e camminata a piedi di  tre ore verso Castelluccio inferiore (livello – facile)
-       Pranzo a sacco e  cena in paese con abitanti del posto a carico di CasaNetural
-       Pernottamento presso Rifugio Difesa a Castelluccio (in tenda.)
o   N.B. In caso di necessità di sistemazione più comoda, mettersi in contatto con Peppe Cosenza della Quercia di Licari
-       Sabato 22 agosto 2015 (nelle prime ore del mattino, conclusione delle attività di “Geografia emozionale” svolte durante la camminata)
-       Ora pranzo : rientro di tutti i camminatori
***************************************************************************************
In effetti, il percorso che compimmo nell’agosto 2015 fu più articolato e lungo …
Un passo avanti…”il percorso di geografia emozionale” che fu organizzato e guidato dai membri di Casa Netural (Matera) che in quel caso diveniva la III esperienza di “Netural Walk” in Basilicata, fu per noialtri (gruppo di palazzesi*: Bernardo –Anna-Mariangela-Assunta)[a] solo una tappa di un percorso più articolato.
Nostro obiettivo, era quello di partecipare ad una parte della “Netural Walk” partendo da Barletta (BT), prendere le altre due palazzesi per poi proseguire un itinerario verso Tramutola (PZ) prima, Aliano (Mt) poi e in seguito Montegiordano Marina (CS).
Certo il nostro poteva essere un itinerario inverso a quello compiuto da Edward Lear*, tra Calabria e Basilicata….ci si chiede a distanza di tempo poteva essere una vera deriva fatta a piedi o a cavallo come quei viaggiatori? I camminatori della Netural Walk avevano come ideale guida un asinello “Cometina” che sceglieva autonomamente il percorso da compiere…..
Noi “palazzesi” raggiungemmo Laino borgo in serata unendoci al gruppo che avrebbero pernottato e cenato alla Masseria “La Quercia di Licari”* . Ci fu una cena e successivamente interventi di più persone su temi vari, seguirono cantate e suonate, condotte dal cantastorie Biagio Accardi* oltre che video proiezione sotto la maestosa Quercia del diametro di 5 metri alta 30 metri. A tarda sera ci congedammo per recarci al nostro b&b a Castelluccio Superiore.
L’indomani sveglia e scatti fotografici dal terrazzino della piccola casa adibita a b&b, situato nella parte alta del piccolo paese, sul paesaggio sottostante, fatto di rilievi e valli avvolto nella nebbia mattutina che si alzava in cielo. Una sensazione di benessere che ti avvolge frà le semplicissime case semiabbandonate del borgo in via di spopolamento. Triste constatazione di fine agosto…..quei pochi emigranti che avevano riaperto per qualche giorno o settimana le proprie abitazioni o quelle dei loro discendenti le avevano già richiuse…per tornare nei luoghi di lavoro lontani dal borgo lucano. Oggi a Castelluccio Superiore vivono solo 822 persone.
L’appuntamento era alle 9 del mattino, ma ovviamente come prevedibile le due “girls” del nostro gruppo ci fecero arrivare in ritardo perché non si svegliarono e preparano con il dovuto anticipo…Arriviamo quindi  a Laino borgo quando il gruppo della “Netural Walk” era già partito, decidemmo così di concederci una visita al giardino sinergico della masseria. Avevamo a disposizione circa un ora per raggiungere i camminatori a Castelluccio inferiore nella Piazza del Municipio. Quando il gruppo ci raggiunse tenni la mia breve informativa sulla psicogeografia e sulle “planimetrie multisensoriali”(visiva-tattile-olfattiva-sonora-gustativa) che avrebbero dovuto produrre tutti i partecipanti suddivisi per 5 gruppi e con un team-leader che si sarebbe fatto carico di coordinare i gruppi. Ci avviammo tutti a piedi verso Castelluccio Superiore affrontammo un sentiero ora  praticamente in disuso , ma un tempo unico collegamento tra Castelluccio Inferiore e Castelluccio Superiore.
Lungo il cammino facemmo una sosta presso un edicola votiva poi alcuni ragazzi dell’Associazione Officine Verdi* .[b]ci illustrarono uno degli orti…..detti “mesole” che loro in parte come volontari tentano di recuperare ridandogli vita….La caratteristica è quella che fornivano di fatto le essenze e gli aromi necessari per la preparazione dei cibi , nel passato. Quindi tutto il vicinato si prendeva cura di queste piccole aree che possono essere assimilate a degli “orti urbani” contemporanei. Raggiungemmo a piedi la località Rifugio Difesa ove pranzammo.  Nel corso del pomeriggio e della serata proseguirono attività ludiche ed una cena con balli, canti e recitazioni poetiche grazie al lavoro fatto  dall’associazione “Officina Verde” e “Ricomincio da Tre” e dai cittadini di Castelluccio Superiore. Nel B&B ove tornammo a dormire erano ospiti anche gli ideatori di Casa Netural* Mariella ed Andrea ed il loro piccolo bimbo.
L’indomani mattina  ci incontrammo con il gruppo che nel frattempo aveva pernottato al Rifugio Difesa per la conclusione delle attività di Geografia Emozionale.
RISULTATI PRODOTTI
Sotto grandi alberi ed in un area attrezzata e suggestiva del rifugio Difesa di Castelluccio Superiore con tavoli ed accessori ivi presenti ,i 5 gruppi hanno realizzato 5 planimetrie del percorso eseguito. I gruppi hanno eseguito l’esercitazione con annotazioni e disegni , incollato post-it ed elementi materiali e naturali. Dopo brevi consultazioni fra i vari componeneti ed affidando l’esposizione del lavori eseguiti ad un team leader sono stati illustrati  a tutti gli altri presenti ed altre persone che nel frattempo si erano aggiunte quali osservatori delle attività in corso. Alcuni partecipanti del Team hanno eseguito delle belle foto. Hanno partecipato alla stesura Stefania Sgherza, Giovanbattista Dipierro, Micaela Pacelli, Chiara Dilecce, Ilaria Caracciolo, Chiara Castiglioni, Elisa Alberti, Angela Tataranni, Pietro Ciarfaglia, Donato Scalera, Elena Soffientini, Antonella Zezza, Elena Viggiani, Daniela Iovine, Alfredo Chiarappa, Dante Castellano , Francesca Zito, Nicola Serini, Maria Paola Sacco, Maria Teresa Paolicelli, Stefania Piazzi, Roberto Conficconi, Ivan Milaneschi, Bruna Fontanarosa, Mariangela Savoia, Assunta Di Cataldo, Anna Di Gerardo.
Le planimetrie multisensoriali  sono state consegnate a Casa Netural.

ALTRI LUOGHI del viaggio agostano
Ci congedammo dal gruppo ma proseguimmo verso Tramutola con altri, incontri a Moliterno con il comandante dei Vigili urbani che si improvvisò accompagnatore e guida alla riscoperta di Palazzo Racioppi, Palazzo Petruccelli del Chiostro dei Domenicani come recitava il pieghevole del Comune di Moliterno “viaggio sentimentale alla riscoperta di Ferdinando Petruccelli della Gattina” nel bicentenario della nascita 1815-2015. Entrammo in casa di una signora che ci mostrò con orgoglio i suoi ricami. Non dimenticheremo l’accoglienza fattaci lungo questo percorso da Castelluccio Superiore sino a Tramutola da sconosciuti. L’incontro con due signore in Fiat Panda, i pastori lungo la strada sul Monte Sirino ed a Grumentum ed infine la bella accoglienza dei miei amici tramutolesi. Il mattino seguente sulla diga del Pertusillo , pranzo e poi raggiungemmo Aliano ove si stava svolgendo il “festival della Paesologia*.
Il viaggio proseguì all’indomani per Craco poi ancora rientro a Palazzo San Gervasio ove le “girls” ci lasciarono. Anna ed io proseguimmo per Barletta ove ripartimmo il giorno seguente destinazione Gravina di Puglia, poi Montegiordano Marina, seguirono altri incontri nel castello di Rocca Imperiale* con una serata incontro inaspettata con Mogol e il giorno seguente al “Sogno di una Notte a. Quel Paese Colobraro” giunto alla V edizione*.
Il viaggio proseguì……………….



*La NeturalWalk nasce nel 2013, dall’idea di arrivare nei paesi più piccoli e peggio collegati alle grandi città, in modo discreto, a piedi, in silenzio, per raccontare le mille storie che li abitano e le tante realtà di innovazione sociale che, a differenza di quanto credano in molti, fioriscono in questi posti.
*abitanti di Palazzo San Gervasio
*Anna Di Gerardo (Anestesista Rianimatrice)-Mariangela Savoia (Graphic Designer rivista ORLO)-Assunta Di Cataldo (insegnante di Matematica)
*Edwar Lear (scrittore e paesaggista) ed il suo compagno di viaggio Lord John Proby nell’autunno del 1847 percorsero un itinerario che toccò la Calabria ed alcune zone della Basilicata tra Potenza e Venosa. In particolare  viaggiarono nell’area del Vulture-““Viaggio in Basilicata 1847”ed. Osanna Venosa
* Biagio Accardi, Artista, suonatore, viaggiatore e autore di canzoni. Ricerca ed elabora sonorità ispirate al panorama etnico
mediterraneo
*“Ricomicio da tre” ed “si occupa di occupa della biblioteca ed internet social point di Castelluccio Superiore-Associazione; “Officina Verde” Lo scopo principale dell'associazione è il recupero e la valorizzazione dei terrazzamenti presenti nel borgo di Castelluccio Superiore (PZ); accanto a questo trovano spazio la promozione di attività culturali e di tutela ambientale.
*L’associazione Casa Netural nasce a Matera nel 2012 su iniziativa di un architetto biellese Andrea Paoletti, esperto in spazi di co-working e sua moglie Mariella Stella, materana, appassionata di sviluppo territoriale e di processi partecipativi.
 *Festival della Paesologia ideato da Franco Arminio
*Rocca Imperiale VII Concorso Internazionale di Poesia Inedita “IL FEDERICIANO”(Manifestazione ideata e realizzata        dall'Editore Aletti)
*percorso teatrale itinerante regia di Giuseppe Ranoia. In questa edizione vi era anche la mostra fotografica di Franco Pinna “con gli occhi della Memoria”

Commenti

Post più popolari